Aria de Nadal en Val

 

Ai amis de Impronta Camuna dal Cantastorie

Germano Melotti di Valle Camonica

 

Fole lobie i pastur i canta,

sole crapene i àngioi i suna,

tele stale i gnarei i sculta…

 

el planger den zola cüna,

t’ina Not senza bater del tep,

tel scür plü ciar de la

 

Surtia d’amur mai sügada,

impronta ligera del ciel

sola irta vià dele priale

 

Traduzione non letterale…

Il canto delle laudi intonato dai pastori  si unisce alla melodie angeliche che discendono dall’alto. Al chiuso delle stalle i ragazzi attendono  il piangere di un Bambino deposto in una culla, in una Notte che non conosce tempo, avvolta da un’oscurità più chiara dell’alba. Sorgente d’amore che non conosce siccità; impronta soave del cielo impressa nella ripida strada dell’operare dell’uomo.

 

Mi è stato richiesto di scrivervi come si augurano le buone feste al mio paese, in dialetto. Eccovi due fra le tante frasi formulate:

 

Impronta Camuna la ve fa i Auguri d’en bu Nadal e d’en serè An nöf!!!

…………………………………..

 

Impronta Camuna la v’angüra

de pasà sto Nadal

da serà l’An vecc en festa

e da spalancà el Dumilaedes

col cör plè de contentesa e de botep!!!

………………………………………..